Questo sito utilizza cookie tecnici. Sono inoltre installati cookie tecnici di terze parti. Cliccando sul pulsante Accetto oppure continuando la navigazione del sito, l'utente accetta l'utilizzo di tutti i cookie.

Per maggiori informazioni, anche in merito alla disattivazione, è possibile consultare l'informativa cookie completa Per saperne di piu'

Approvo

COOKIES POLICY DEL SITO www.eurispes.sicilia.it


La disciplina relativa all'uso dei c.d. "cookie" e di altri strumenti analoghi nei terminali (personal computer, notebook, tablet pc, smartphone, ecc.) utilizzati dagli utenti, è stata modificata a seguito dell'attuazione della Direttiva CEE 2009/136/CE che ha modificato la Direttiva "e-Privacy" 2002/58/CE. Il recepimento della nuova Direttiva è avvenuto in Italia con il Decreto legislativo 28 maggio 2012, n. 69 che ha apportato modifiche al decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”. In particolare è stato sostituito l’art. 122 del Decreto 196/03 che oggi prevede:

1. L'archiviazione delle informazioni nell'apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l'accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l'utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all'articolo 13, comma 3. Ciò non vieta l'eventuale archiviazione tecnica o l'accesso alle informazioni già archiviate se finalizzati unicamente ad effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dal contraente o dall'utente a erogare tale servizio. Ai fini della determinazione delle modalità semplificate di cui al primo periodo il Garante tiene anche conto delle proposte formulate dalle associazioni maggiormente rappresentative a livello nazionale dei consumatori e delle categorie economiche coinvolte, anche allo scopo di garantire l'utilizzo di metodologie che assicurino l'effettiva consapevolezza del contraente o dell'utente.

2. Ai fini dell'espressione del consenso di cui al comma 1, possono essere utilizzate specifiche configurazioni di programmi informatici o di dispositivi che siano di facile e chiara utilizzabilità per il contraente o l'utente. Di seguito desideriamo informare gli utenti visitatori del sito internet www.eurispes.sicilia.it sulle modalità di utilizzo dei cookies.


Cosa sono i cookies.
I cookies sono file che possono venire salvati sul computer dell’utente (o altri dispositivi abilitati alla navigazione su internet, per esempio smartphone o tablet) quando lo stesso visita un sito web. Di solito un cookie contiene il nome del sito internet dal quale il cookie stesso proviene e la c.d. “durata vitale” del cookie (ovvero per quanto tempo rimarrà sul dispositivo dell’utente).

Cookies essenziali per il funzionamento del sito web
Il sito web www.eurispes.sicilia.it utilizza cookies di sessione e persistenti, al fine di offrire un servizio più efficiente agli utenti. L'uso di tali cookies è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire di fornire i servizi e le funzioni del sito web in modo completo. I cookies utilizzati nel sito web evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l'acquisizione di dati direttamente identificativi dell'utente. Gli interessati che non volessero conservare questi cookies potranno cancellarli dopo la navigazione semplicemente andando nelle impostazioni privacy del proprio browser di navigazione e selezionando l’opzione di eliminazione dei cookies.

Cookies utilizzati a fini di analisi aggregata delle visite al sito web
Eurispes Sicilia, in qualità di Titolare del trattamento dati, si avvale di strumenti di analisi aggregata dei dati di navigazione che consentono di migliorare il sito web, (Google Analytics). In particolare, Google Analytics, sistema messo a disposizione da Google Inc., utilizza dei cookies che vengono depositati sul computer dell’utente allo scopo di consentire al gestore del sito web di analizzare come gli utenti utilizza il sito stesso. Le informazioni generate dal cookie sull'utilizzo del sito da parte dell’utente verranno trasmesse a, e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare l’utilizzo dei sito web da parte dell’utente, compilare report sulle attività del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività delo stesso sito. Gli utenti che non volessero i cookies in questione potranno impedirne la memorizzazione sul proprio computer attraverso l’apposito “Componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics” messo a disposizione da Google all’indirizzo https://tools.google.com/dlpage/gaoptout. Per attivare il componente, che inibisce il sistema di invio di informazioni sulla visita dell’utente, sarà sufficiente installarlo seguendo le istruzioni sullo schermo, chiudere e riaprire il browser.

Cookies inseriti per pubblicare annunci personalizzati sugli interessi dell’utente
Il sito web www.eurispes.sicilia.it utilizza cookie di terze parti per pubblicare inserzioni definite in base agli interessi degli utenti. Queste informazioni sono raccolte durante la navigazione dell’utente e non vengono in alcun modo collegate all’account con il quale l’utente accede al sito web. In particolare:Google Adwords di Google Inc. utilizza i dati di navigazione all’interno del proprio circuito di pubblicità on line, per proporre annunci maggiormente attinenti agli interessi dell’utente. Eurispes Sicilia utilizza tale tecnologia e i dati di navigazione all’interno del proprio sito web per proporre all’utente pubblicità mirate basate sugli interessi manifestati. Per maggiori informazioni http://www.google.com/intl/it_it/policies/technologies/ads/. L’utente può disattivare, in parte o completamente, l’utilizzo dei cookie da parte di Google Adwords visitando le pagine https://www.google.it/ads/preferences e https://www.google.it/settings/ads/onweb.

Facebook offre annunci pubblicitari mirati sulla base del comportamento e sugli interessi degli utenti online. Per maggiori informazioni https://www.facebook.com/help/cookies?ref_type=sitefooter

Più in generale, ciascun browser permette all’utente la disattivazione dei cookie di terze parti volti a permettere una pubblicità on line basata sugli interessi dell’utente.

Modalità di disabilitazione dei cookies
La maggioranza dei browser internet sono inizialmente impostati per accettare i cookies in modo automatico. L’utente può modificare queste impostazioni per bloccare i cookies o per avvertire che dei cookies vengono mandati al dispositivo dell’utente medesimo. Esistono vari modi per gestire i cookies. L’utente può fare riferimento al manuale d’istruzioni o alla schermata di aiuto del suo browser per scoprire come regolare o modificare le impostazioni del proprio browser.

Chrome https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it

Firefox https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare%20e%20disattivare%20i%20cookie

Internet Explorer http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/block-enable-or-allow-cookies Opera http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari https://www.apple.com/legal/privacy/it/cookies/

In caso di dispositivi diversi (per esempio, computer, smartphone, tablet, ecc.), l’utente dovrà assicurarsi che ciascun browser su ogni dispositivo sia regolato per riflettere le proprie preferenze relative ai cookies.

Titolare del trattamento
Titolare del trattamento è Eurispes Sicilia con sede legale in Via Isonzo, 19 - Siracusa (SR) 96010, in persona del legale rappresentante. Per qualunque comunicazione relativa al trattamento dei dati utilizzo dei cookies svolto da Eurispes Sicilia, l’interessato può rivolgersi al Responsabile del trattamento dati personali al seguente indirizzo: Via Isonzo, 19 - Siracusa (SR) 96010. Al fine di venire a conoscenza di variazioni o modifiche nelle policies relative alla privacy seguite da Eurispes Sicilia dovute, in via principale, a mutamenti normativi, è opportuno che l’utente consulti costantemente il presente documento.

Diritti degli interessati
Eurispes Sicilia rende noto che il D.Lgs. 196/03, conferisce agli interessati del trattamento che forniscono i propri dati personali specifici diritti. In particolare, l'utente può ottenere dal titolare o dall'eventuale responsabile la conferma dell'esistenza o meno di propri dati personali e che tali dati vengano messi a sua disposizione in forma intelligibile. L'interessato può altresì chiedere di conoscere l'origine dei dati nonché la logica e le finalità su cui si basa il trattamento; ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se sussiste interesse, l'integrazione dei dati; opporsi, per motivi legittimi, al trattamento stesso.

×

Attenzione

RokSprocket needs the RokCommon Library and Plug-in installed and enabled. The RokCommon System Plug-in needs to be before the RokSprocket System Plug-in in the Plug-in Manager

Giampilieri un anno dopo

Giampilieri e dintorni un anno dopo

Di fronte ad una tragedia come quella consumatasi lo scorso anno, l’indifferenza sarebbe un reato. L’Eurispes Sicilia, nel primo anniversario, ha con grande partecipazione realizzato uno studio in collaborazione con l’Ordine Regionale dei Geologi, presentato a Palermo ieri, 21 Ottobre 2010.

Le indagini da noi realizzate mirano in tutti i casi ad un approfondimento dei dati reali, che assunti sul piano statistico, definiscono quadri rappresentativi di attualità e prospettive. Cristallizzare numeri, in tal senso, significa sintetizzare una serie di elementi che rappresentano la lettura più diretta di quanto esaminato. Nel caso specifico si tratta di un’indagine su  Giampilieri e dintorni, vale a dire Briga Marina, Molino, Itala, Scaletta Zanclea. i paesi della provincia messinese che la notte tra il 30 settembre e il primo ottobre dell'anno scorso, venivano colpiti da un terribile nubifragio.

Le valanghe di fango e gli smottamenti misero in ginocchio una fascia di territorio lunga 3 km e mezzo e provocarono la morte di 37 persone. La pioggia quella sera si trasformò in un killer spietato, non più acqua principio base della vita, ma al contrario mezzo di morte e distruzione. In circostanze come questa, piante le vittime ed espressa  solidarietà alle famiglie colpite, emergono tanti quesiti. Cosa doveva farsi prima? Cosa non è stato ancora fatto? A cosa è da attribuire la tragedia? Quale il meccanismo da mettere a regime affinché la cronaca futura non racconti altre tristi pagine?

Troppe volte si è parlato di stragi annunciate, ed anche questa volta è accaduto. Per fortuna poi la forza della vita spinge a guardare avanti e la gente ha mostrato voglia di riprendere l’ordinaria quotidianità. Il sondaggio ha interessato, per un 40%,  un campione di età tra i diciotto ed i quarant’anni, mentre il restante 60% ha più di quarant’anni, secondo la stratificazione demografica esistente. È stato diviso per sesso, residenza (Giampilieri, 34%, Scaletta Zanclea, 15%, altro (50%) ed istruzione (scuola media, 20%, diploma, 55%,  laurea, 22%.

Alla prima domanda, su quanto ritengono sicuro il territorio dove vivono, il 62% del campione ha risposto “poco” e solo il 7% “molto”. Il dato è chiaramente esemplificativo di una paura che persiste ancora. I dati ufficiali dicono che in un anno sono stati spesi i 139 milioni disponibili, erogati dal Ministero dell'Ambiente (20 milioni), dal fondo Protezione civile (30 milioni) e dalla Regione con i fondi Fas 2007/2013 (65 milioni), oltre quelli ottenuti attraverso l'accordo di programma quadro (24 milioni). Il fabbisogno stimato per il ritorno alla normalità, con la costruzione di alloggi, le opere di urbanizzazione e il rimborso alle popolazioni e alle attività produttive, è, però, di 320 milioni. All'appello mancano quindi 181 milioni.

La prevenzione costa, ma anche la ricostruzione e non solo, purtroppo, in termini economici. Abbiamo chiesto se ritengono responsabile qualcuno in ciò che è avvenuto. La risposta, forse scontata nelle previsioni, è interessante nella misura: l’85% ritiene di sì. Solo il 15% ritiene che è la natura a scatenarsi. Non vi è dubbio che la rovinosa frana verificatasi lo scorso anno è il risultato di decenni di sfruttamento di un territorio morfologicamente complesso nel quale i paesi si estendono senza soluzione di continuità, compressi fra la linea di costa e le montagne.

Quindi, un territorio con queste caratteristiche, andava trattato nella giusta maniera: si doveva costruire con estrema oculatezza, non dovevano essere abbandonate le attività agricole e, soprattutto, occorreva evitare la deforestazione selvaggia. In tutto questo le responsabilità sono da attribuire, per il 68% agli amministratori locali, per il 26% al governo nazionale e per il 6% all’abusivismo. Per i cittadini colpiti dal disastro sono in gran parte gli organi locali ad avere imputate le colpe. Un dato di sfiducia sui propri rappresentanti diretti, su coloro che si ritiene rappresentino o meglio debbano rappresentare, le istanze al livello a loro più prossimo.

Interessante il dato sull’apporto delle categorie professionali: il campione è quasi equamente distribuito tra molto (46%) e poco(41%). Da rilevare che la domanda era riferita ai momenti cruciali dell’alluvione, una risposta, quindi, molto condizionata dalla sfera emotiva e dalla percezione individuale. Per quanto riguarda l’ammontare delle abitazioni ripristinate, il 4% ha risposto “molto”, il 58% “poco”, il 38% “molto poco”.

Le risposte evidenziano un dato negativo sulla gestione della ricostruzione. Quel 4% che ritiene molto il già fatto si riferisce ai numerosi cantieri attivati, ma resta da fare parecchio, perché il disastro è stato immane. Certamente partiranno altri cantieri per mettere in sicurezza e rifunzionalizzare il territorio e dare uno sbocco all'acqua che scende dalle montagne.

Si dice che ci sarà una seconda fase relativa ai rimborsi alle persone che hanno perso la casa, alla ricostruzione degli alloggi per le persone meno abbienti che anche con i rimborsi non ce la farebbero ad avere una nuova casa e che tutti saranno messi nelle condizioni di ricostruire la propria casa nel contesto urbano e non fuori dalle città. Perché questa è la strada scelta: recuperare il tessuto urbano esistente: realizzare una new town. Qui il modello Abruzzo non è stato importato. Di ricostruzione delle case distrutte si parla in termini di impegno, senza progetti, finanziamenti certi e, soprattutto, senza data. Si tratta di aspettare i tempi e i modi di una ricostruzione pubblica ancora da programmare.

Il ruolo delle istituzioni locali è ritenuto positivo dal 32% degli intervistati; dato che scende ad appena l’11% in riferimento alle istituzioni nazionali. Numeri chiaramente rappresentativi di un senso di vuoto avvertito dalle popolazioni colpite che sentono distanti gli amministratori locali, ma soprattutto lo Stato. Sulle iniziative di prevenzione messe in campo nell’ultimo anno, il 58% ritiene che è stato fatto poco ed il 30% molto poco. Il 12% che ritiene si sia fatto molto è basso e risente di condizioni soggettive.

La prevenzione è un campo difficile, in queste zone particolarmente complessa. Sappiamo di lavori realizzati e di quelli ancora da realizzare, interventi a carattere sperimentale ed innovativo in virtù di alcune soluzioni tecniche adottate per la messa in sicurezza a breve e lungo termine. Ad esempio in alcuni casi le aree franate sono state imbrigliate con dei sacchi di juta trattenuti da reti metalliche, cosicché la vegetazione crescendo renderà invisibili gli interventi di consolidamento.

In generale si è trattato di lavori complessi, è stato necessario studiare diverse soluzioni per i diversi problemi tecnici che si presentavano. Questo a causa dell'urbanizzazione senza criteri dell'area, con delle infrastrutture realizzate in troppi casi superficialmente rispetto alle caratteristiche morfologiche del terreno. A un anno dalle frane volendo tracciare un primo bilancio delle opere realizzate sotto il coordinamento della struttura commissariale istituita con ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri, si contano una sessantina di interventi in fase di completamento.

Tecnici e mezzi della Protezione civile regionale, del Genio civile di Messina, di Provincia e Comune, delle Ferrovie dello Stato e del Consorzio Autostrade Siciliane, stanno operando a partire dalla messa in sicurezza dei costoni rocciosi e dei versanti delle colline franate. Ma di tutto questo la gente sembra avere poca cognizione. O forse è troppo poco…?

Abbiamo cercato di comprendere chi è stato loro più vicino nell’emergenza: le forze dell’ordine, le associazioni di volontari e gli ordini professionali sono risultati in cima alla classifica. Dato che conferma la mancata percezione delle istituzioni, compresa la Chiesa stavolta, e che di contro rilancia quella sussidiarietà orizzontale da tante parti invocata quale elemento migliorativo del funzionamento dell’intero apparato statale.

I geologi sono stati chiamati in causa per ragioni professionali e la loro risposta positiva ha sottolineato i tratti si sensibilità di una categoria che svolge, ma ancora di più in certi territori deve svolgere, una funzione delicata. Sulla sicurezza nelle proprie case il 70% risponde negativamente. La paura è ancora tanta. Chi ha vissuto quei momenti fa fatica a non ricordare gli oltre 220 millimetri di pioggia che in meno di cinque ore (quanto ne cade normalmente in due mesi) si sciolsero in fiumi di fango che invasero i centri abitati, le strade e la ferrovia, distruggendo decine di abitazioni.

Ogni volta che piove, scendono in strada. E si guardano alle spalle. Le montagne fanno sempre paura.  Non basta la presenza degli uomini della protezione civile, i cartelli disseminati ovunque con le istruzioni per l'uso in caso di piogge torrenziali, le sirene che suonano e i bollettini di allerta meteo che, adesso sì, vengono diffusi con grande solerzia.

Nonostante le polemiche c’è voglia di rinascita. Vanno ricercate le soluzioni giuste in una prospettiva di lungo raggio. Esemplificativo Giampilieri, dove si discute tra chi vuole salvare e chi intende sacrificare una trentina di abitazioni per realizzare un canale dove far defluire eventuali detriti della montagna.

Non è più tempo di commettere errori. Non si può indulgere su una messa in sicurezza definitiva dei territori coinvolti, anche a costo di sacrificare qualcosa già esistente. Bisogna lavorare, facendo ognuno al meglio la sua parte, per garantire un futuro sereno ai residenti di queste terre.

Anna Mangiafico - Coordinatore Regionale

Eurispes Sicilia

Promuove e finanzia autonomamente indagini su temi di grande interesse sociale, attività culturali, convegni, borse di studi, iniziative editoriali, proponendosi come centro autonomo di informazione ed orientamento dell'opinione pubblica e delle grandi aree decisionali che operano nel nostro Paese. (...)

Seguici su Facebook

Contatti

  info (@) eurispes.sicilia.it
  0931.462718
  0931.483417
 Via Isonzo, 19 - Siracusa